top of page

Medita iniziando dal corpo

Aggiornamento: 7 apr

“Comincia sempre dal corpo: perché è un dato di fatto. Devi cominciare il viaggio dal corpo perché tu sei nel corpo. Comincia da dove sei, non da dove puoi essere.

Sei nato come corpo; vivi in quanto corpo; ti ammali e vieni curato in quanto corpo.

Invecchi in quanto corpo; morirai in quanto corpo. Tutta la tua vita ruota intorno al corpo.

Puoi usarlo e farne un veicolo, un medium, puoi trascenderlo,

ma il viaggio deve avvenire attraverso il corpo, con il corpo e grazie al corpo.”

Osho


Le meditazioni attive di Deepti iniziano dal corpo

Ogni muscolo reca in sé qualcosa da svelare, in ogni contrattura c’è la memoria del passato, ogni fibra del corpo ricorda, ogni ricordo del corpo echeggia nella mente e ogni pensiero risuona nel corpo.


La tecnica attiva usa il corpo come strumento di espressione e il corpo, come affermava Reich, è il serbatoio dell’inconscio e conserva la storia energetica ed emotiva di ognuno, e nel tentativo di difendersi da un trauma prolungato il corpo crea un ‘blocco’ o ‘corazza’ con la cronicizzazione della contrazione di alcuni muscoli e questa contrazione abbassa il ‘volume’ delle emozioni, delle sensazioni, dei sentimenti, delle percezioni; impedendo alla forza vitale che è in noi, di scorrere naturalmente, diminuendo l’afflusso di energia.


Le Meditazioni Attive sono

  • una sorta di espediente,

  • qualcosa che precede lo stadio della meditazione

  • ti accompagna attraverso il corpo, a sciogliere le tensioni presenti in ogni fibra del tuo corpomente

  • fa defluire, dal nostro processo mentale, tutta quell'energia in sovrappiù che crea solo caos e ci impedisce di meditare.

 

 

Ogni meditazione che ho ideato, tocca un tema diverso e la tecnica che precede il momento vero e proprio di meditazione, serve per far sperimentare, consapevolmente attraverso il corpo, schemi di comportamento, dinamiche ed emozioni.


Attraverso la manifestazione e l’espressione

  • si libera energia sopita e compressa;

  • si porta ‘respiro’ alla struttura rigida del corpo.

 

Il corpo e il quarto chakra con la sua capacità di creare spazio interiore e profonda accettazione, sono protagonisti.


Ho utilizzato musiche d’orchestra scelte con grande cura, dense di ritmo e aspetti armonici coinvolgenti tali da ispirare e stimolare il sentire ed entrare in contatto con pensieri, emozioni e sensazioni che si agitano in noi,

  • respirandoli invece che reprimerli,

  • espandendoli invece di contrarli o lottarci contro.

 

Il movimento energetico della danza è espansione, e in questo manifestarsi ogni meditazione diviene una coreografia dell’anima, un piccolo ‘spettacolo’ dove ognuno è protagonista e mette in scena la manifestazione di sé, attraverso un corpo danzante.

 

Le Meditazioni Attive che ho creato, sono un insieme di parte tecnica, di espansione delle emozioni ed energia, e di spazio che crea le condizioni perché in un ultimo stadio la meditazione possa accadere.

 

Più il corpo, attraverso il movimento, fa scaturire energia, più l’onda aumenta il suo volume e quando tocca il suo apice … nell’improvvisa immobilità … la meditazione accade.

33 visualizzazioni2 commenti

Post recenti

Mostra tutti

2 Comments


Grazie Deepti, molto interessante, ma pensi possa fare anch’io che mi sento un corpo ‘ingombrante’ e spesso, sofferente?

Like
Replying to

Sicuramente si. Nessun corpo è ingombrante. Vieni alle meditazioni Attive il mercoledì per riconquistare il tuo corpo e ti assicuro che il tuo corpo non ne vede l’ora.

Ti aspetto

Like
bottom of page